Tweets di @casinovirtuali

Articoli

Un 2012 da incorniciare per i Casino cash

02/01/2013 - Scritto da StefanoB

Il 2012 è ormai alle spalle; per analizzare i conti di una stagione che è stata comunque rivoluzionaria per tutto il business del gaming on line occorrerà ancora qualche tempo anche in considerazione del fatto che i dati di dicembre erano decisamente migliori di quelli che era lecito attendersi. Il bilancio a pochi giorni dalla fine dell'anno era di 85.7 miliardi di euro di raccolto, un incremento del 7% rispetto agli 80 miliardi sfiorati nel corso del 2011. A farla da padroni sono stati i giochi online che hanno attratto una clientela nuova, diversificata, sicuramente più giovane ma, soprattutto molto esigente che con l'accesso alle slot che sono state attivate dal 3 dicembre costituiscono ora la base solida di una massa critica di clienti davvero importante e crescente.

...E lo Stato ci guadagna non poco

L'Erario è ovviamente la prima realtà istituzionale che si frega le mani: di fatto gli operatori di gaming e betting stanno diventando riscossori ancora atipici per il nostro paese ma estremamente remunerativi. Al primo posto nel 2012 tra i giochi più amati si è confermata la roulette, un dato inattaccabile che forse potrebbe essere rimesso in discussione dalle slot tra qualche mese quando questo business si sarà definitivamente imposto in un'offerta che sta diventando davvero esponenziale e che, soprattutto, sembra incontrare sia i gusti che le esigenze dei giocatori. Ma la roulette, la regina dei tavoli da gioco del casino, ha dimostrato che anche online sa far valere il suo fascino, oltretutto con una presa di coscienza di giocatori sempre più attenti al gioco statistico, e dunque a quello coerente e ragionato, che al gioco 'di pancia'.

Roulette motore del fatturato

La roulette ha letteralmente trascinato gli introiti dei casino games oltre il raddoppio: un risultato eccellente che lo scorso anno non poteva essere preso in considerazione, né ritenuto attendibile. Nessuno tra gli operatori avrebbe mai ipotizzato una crescita tendenziale in soli dodici mesi così significativa… da 6.2 miliardi di euro agli oltre 12.5 miliardi di euro di quest'anno che ci siamo appena lasciati alle spalle. Ma probabilmente si tratta di un risultato comprensibile, se non addirittura nella norma considerando che il poker cash è un altro prodotto in forte crescita rispetto alla modalità torneo, che fino a qualche tempo fa sembrava andare per la maggiore e che ora ha subito invece un decremento che sfiora il 50% nel confronto con il poker cash game.
Il dato negativo riguarda ancora una volta un paese che è geograficamente (ma anche economicamente) spaccato in due sotto l'aspetto dei contributi: al sud il gioco illegale era e resta una piaga e l'entrata in vigore della legge Balduzzi (che proprio da ieri regolamenta tutta l'attività del gioco online e la sua promozione) dovrebbe portare dei benefici sia in termini di prevenzione che di individuazione di queste consistenti sacche di sommerso e di illecito.

Slot, novitò assoluta di grande impulso

La grande novità, le slot, hanno anche il loro partito contrario: diverse le associazioni che si sono mosse nei confronti delle autorità ministeriali per ridurre le concessioni, limitarle o addirittura bloccarle fino a data da destinarsi. In realtà il gioco online al momento rappresenta non solo un business, una fonte di reddito, una contribuzione importante anche per il fisco, ma una banca dati significativa per prevenire e individuare le ludopatie e capire in modo particolare quali sono le cose che al pubblico piacciono e non nuocciono. Il settore online, che ha atteso molto tempo prima di trovare la sua regolamentazione garantisce sicuramente una maggiore tutela dei minori rispetto ad altre forme di gioco regolamentate da tempo, così come i massimali di deposito  di gioco sia mensili che settimanali o addirittura quotidiani. E sotto l'aspetto contenutistico bisogna dire che tutti gli operatori si sono presentati al mercato con idee chiare, innovative ed estremamente moderate. I posti di lavoro aumentano e con esso anche il gettito fiscale che quest'anno ha sfondato tetto dell'1% del PIL nazionale (1.04 globale). I concetti di gioco moderato e responsabile sono un claim estremamente rispettato e ribadito con forza da tutti gli operatori. Ma il resto lo devono fare i giocatori: la cultura di gioco responsabile può esserci se gli interlocutori saranno disposti ad accettarne le regole e questo, in un paese che Lotto e Tombola le ha inventate e che il gioco lo vive da sempre con passione e grande partecipazione popolare, è un percorso ancora lungo e non facile.

NEWSLETTER
"Newsletter"
TITAN BET
 
titan bet slot promo
 

VIDEO