Commissione Gibilterra

Commissione Gibilterra

Gibilterra e la sua commissione sul gambling online

Gibilterra è un piccolo territorio nell’estremo Sud dell’Europa, da cui il Marocco e l’Africa distano pochi kilometri. Anche se la posizione geografica non lo farebbe pensare, questo piccolo paese è conosciuto da tempo come un centro finanziario ben regolamentato, con tassazione agevolata e con una giurisdizione sui giochi particolarmente favorevole, proprio come è avvenuto in altri piccoli stati / isola (Gibilterra, per precisione, è una penisola): Antigua e Barbuda, Curacao, Isola di Man, ecc. Oggi la Commissione di Gibilterra sui giochi, divisione della Gibraltar Regulatory Authority, regolamenta e rilascia licenze ad operatori di casinò online, poker e scommesse via internet. Questo fa sì che ben il 10% della sua forza lavoro sia costituito da persone impiegate nell’industria del gioco e contribuisce a rendere alto il reddito pro capite dei gibilterrini, pari a 38.200 dollari americani.

Gibilterra, per poter ricavare introiti dal fenomeno gambling online, è stata una delle prime giurisdizioni al mondo a regolare il gambling online ed a rilasciare licenze, fin dal 1998, cominciando con nomi altisonanti come l’inglese Ladbrokes, uno dei più famosi operatori di gambling al mondo. Gibilterra è infatti situata geograficamente all’estremo sud della Spagna, in piena penisola iberica, ma dal punto di vista legislativo è un protettorato del Regno Unito, responsabile della sua politica estera e della difesa del territorio. Tuttavia allo stesso tempo Gibilterra ha una forte autonomia, per cui la Commissione gambling è stata libera di stabilire un suo particolare livello di tassazione e di legislazione nell’ambito del gioco d’azzardo online, in grado di attrarre investimenti soprattutto dai numerosi operatori di gambling britannici ed europei.

Le difficoltà per ottenere una licenza a Gibilterra

Gibilterra ha infatti rilasciato in tutto una ventina di licenze ad operatori di casino, scommesse, poker, compresi nomi noti come il già citato Ladbrokes, 888.com, Betclic Everest, bwin.party, ecc. Tutto questo non significa che sia facile ottenere una licenza dalla Commissione Gibilterra per il gambling online, anzi i requisiti richiesti sono piuttosto rigidi, ma i benefici sono elevati. Agli operatori è infatti richiesto di dimostrare la loro esperienza e storia nel gambling online, nel funzionamento dei loro siti e piattaforme, nella regolarità dei giochi e dei servizi offerti: sono richieste in questo senso quindi certificazioni e dati e la stessa Commissione esegue numerosi test prima di fornire la sua licenza. Se quindi i parametri sono stretti, una volta avuto l’ok della Commissione Gaming arriva il bello: la licenza non ha un costo ed è richiesta solamente una tassa annuale di 2.000 sterline inglesi; oltre a questo gli operatori di casinò online devono pagare una tassa dell’1% sui ricavi lordi, fino ad un tetto massimo di 42,5 milioni di sterline.

I vantaggi della licenza di gioco gibilterrina sono quindi elevati, ma allo stesso tempo la licenza è molto difficile da ottenere. Questo è dovuto anche al fatto che comunque la legge gibilterrina si rifà, in questo ambito, al Gambling Act 2005 approvato nel Regno Unito: la Gibraltar Regulatory Authority, nella sua divisione gambling, è stata nominata tra le commissioni ufficiali del Regno Unito in materia di gambling. Se questo da un lato ha contribuito a rendere più severe le regole per ottenere una licenza, ha anche contribuito rendere più prestigiose le licenze rilasciate dalla Commissione Gibilterra per il gaming online.

Le condizioni che gli operatori devono rispettare

In effetti, non solo è difficile ottenere una licenza, ma una volta ottenuta gli operatori sono sottoposti a controlli e devono rispettare una serie di linee guida che tutelano i giocatori, i giovani e favoriscono il gioco onesto. Tra le condizioni imposte, ci sono:

-    Linee guida sulla pubblicità: deve essere veritiera, accurata e in alcun modo indirizzata ai minori, qualsiasi sia il mezzo pubblicitario utilizzato.
-    Condizioni di pagamento: le società devono avere in qualsiasi momento sufficiente liquidità da consentire che i pagamenti ai giocatori siano effettuati; inoltre le modalità ed i tempi di pagamento devono avvenire nei tempi e nelle modalità previste dal contratto di gioco.
-    Privacy: ai giocatori devono essere necessariamente richiesti tutti i dati che servono per poter stipulare il contratto di gioco; per il resto, le informazioni non deve essere comunicate ad enti di terze parti senza il consenso dei giocatori.
-    Account: tutte le transazioni finanziare devono essere registrate e divenire accessibili ai controlli dell’Autorità; inoltre i dati degli account devono rimanere all’interno del territorio di Gibilterra.

Insomma, tra tutte le licenze offshore, quella di Gibilterra è una delle più incisive, che offrono tra le maggiori tutele ai giocatori. A conferma di questo, c’è il fatto che tra le agenzie accreditate per il testing del corretto funzionamento del software di gioco, c’è la ben nota commissione eCOGRA, utilizzata anche in Italia dall’AAMS.

NEWSLETTER
"Newsletter"
TITAN BET
 
titan bet slot promo
 

VIDEO